Produzione barbatelle di vite certificate e garantite


Alcune foto dell'inizio del vivaismo nella Piana Rotaliana negli anni '20

Una grande tradizione

L'avvio dell'attività vivaistica viticola in Trentino risale ai primi anni del secolo scorso. Nacque come risposta alla fillossera, la malattia che distruggeva le viti, e per la quale non si riusciva a trovare un sistema di lotta.
Fu nel 1901 che i vigneti trentini cominciarono ad essere infettati dall'afide della fillossera e fu in quella fase d'emergenza che l'Istituto agrario di S.Michele svolse un ruolo centrale per uscire dalla drammatica situazione in cui si trovava la viticoltura trentina.
L'Istituto agrario «riuscì a precedere sia i tempi che gli eventi, portando avanti l'idea che l'unico mezzo sicuro per salvare la viticoltura consisteva nella ricostituzione completa dei vigneti su soggetto americano resistente». Da qui l'avvio dell'attività vivaistica dell'Istituto.
Ben presto ci si rese conto che le barbatelle prodotte dallo stesso erano insufficienti per coprire la domanda, o meglio l'esigenza manifestata dai viticoltori trentini. Soddisfare la domanda di barbatelle innestate non era quindi solo una semplice questione commerciale, bensì là risoluzione definitiva per l'invasione filosserica manifestatasi.
L'impegno fu enorme ma contribuì al rafforzamento della viticoltura che a vent'anni dalla fine della prima guerra mondiale, raggiunse la superficie di 15.000 ettari contro i meno di 10.000 attuali.


I Vivai Giovannini Romano, azienda a conduzione familiare da generazioni opera nel settore e dagli anni '60 si è specializzata nella produzione di barbatelle innestate selezionate sia certificate che standard.


 

Via Fratelli Bronzetti, 16 - 38016 Mezzocorona (TN) - Tel. 0461-619135 - Fax. 0461-600539 - Cell. 3393455682

Email: info@vivaigiovanniniromano.it