Timbro Vivai Giovannini Romano

Verduzzo Trevigiano

Il Verduzzo Trevigiano è un vitigno a bacca bianca, coltivato nel territorio trevigiano, del quale non sembrano esserci notizie antecedenti il 1900. Sembra che sia stato introdotto in Veneto dalla Sardegna all’inizio del secolo scorso, anche se finora non si è riusciti a collegarlo ad alcuna delle varietà di vite dell’Isola. E’ molto meno noto e meno diffuso del Verduzzo Friulano e viene coltivato principalmente nelle province di Treviso lungo la sinistra del Piave e in provincia di Venezia, più raramente in Friuli. Nel 1999 copriva 2575 ettari di coltura. Le principali differenze col suo omonimo friulano sono nella forma della foglia e del grappolo. Il Verduzzo Trevigiano è un vitigno adatto alla produzione di vini giovani, per lo più assemblato assieme ad altri vitigni. Non viene solitamente utilizzato per l’invecchiamento.

Nel Veneto il Verduzzo Trevigiano rientra in molte tipologie della DOC Lison-Pramaggiore, in particolare il Lison-Pramaggiore Verduzzo, composto per almeno l’85% di Verduzzo friulano o Verduzzo trevigiano, e della DOC Vini del Piave, anche qui con il Piave Verduzzo con almeno il 95% delle stesse uve. Il vitigno Verduzzo Trevigiano ha foglia media, orbicolare o pentagonale, pentalobata. Il suo grappolo è medio, cilindrico-piramidale, alato e mediamente compatto, con acini medi dalla buccia leggermente sottile di colore verde. Ha maturazione tardiva e buona vigoria. Il vino che si ottiene dal Verduzzo Trevigiano ha colore giallo paglierino tendente al verdolino. Il suo profumo è poco intenso e poco complesso, con note fruttate di agrumi e pesca e marcate note vegetali, mentre scarse sono le note floreali. Al palato è abbastanza intenso e gradevole, caratterizzato da una marcata sapidità ed una leggera amarezza. E’ un vino solitamente leggero e poco strutturato.

Caratteristiche ed Attitudini colturali

Vigoria: buona.

Produzione: buona e costante.

Posizione del primo germoglio fruttifero: 1°-2° nodo.

Numero medio di infiorescenze per germoglio: 1-2.

Fertilità delle femminelle: molto scarsa.

Resistenza alle malattie e ad altre avversità: un po' sensibile all'oidio; talvolta è soggetto ad impallinamento.

Comportamento rispetto alla moltiplicazione per innesto: normale.

Utilizzazione

Esclusivamente per la vinificazione.

Tabella Caratteristiche portainnesti

BIANCHE VINO

Innesti in scatola rossa

HAI BISOGNO DI AIUTO?